Menu
Carrello 0

Quando l'ambiente circostante fa diventare la nostra pelle secca

Pubblicato da Farmacia Aliberti il Iscriviti!

Condividi questo post


Smog, clima e raggi ultravioletti: quanti nemici per la pelle!

Alzi la mano chi, almeno una volta nella propria vita, non abbia provato sulla propria pelle quanto possa essere fastidiosa la secchezza cutanea.

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo, svolge una funzione importantissima per il nostro benessere, difendendoci da quei temibili attacchi esterni che, potenzialmente, potrebbero danneggiarla anche in modo notevole.

La pelle, infatti, pur resistente, può diventare, anche in breve tempo, decisamente secca, tendente alla facile desquamazione.

Un senso costante di fastidio, prurito o abrasioni possono degenerare, rendendo la nostra pelle difficile da curare.

Secchezza cutanea e ruvidezza, spesso, possono non essere causate da determinate patologie dermatologiche, anche di grave entità, ma possono anche dipendere dall'ambiente esterno che, sempre più spesso, mette a dura prova il nostro fisico.

Pur senza scomodare psoriasi, dermatite atopica, insufficienza renale e diabete, le altre cause scatenanti la secchezza della pelle, concentriamoci sull'ambiente che ci circonda e scopriamo in che modo possiamo tenere a bada il prurito e la pelle secca.

Difendere la pelle con terapie mirate e qualche accorgimento

La pelle, soprattutto nei cambi di stagione, va protetta con estrema cura per difenderla dagli attacchi pungenti del freddo e dai pericolosi raggi ultravioletti. Se, d'inverno, è opportuno difenderla con creme adeguate, d'estate può essere protetta da consistenze fluide e gelatinose, pur sempre efficaci e a schermo totale.

Come possiamo tutelarci dai gas di scarico e dal sempre più crescente inquinamento?

In questi casi, le cose diventano più difficili, giacché non è certo possibile vivere in una bolla di vetro, isolata dall'esterno. Ma, fortunatamente, un rimedio c'è sempre.

Quando la pelle del viso, delle mani o delle braccia inizia irrimediabilmente a seccare, mostrando le prime tracce di screpolature o ruvidezza, possiamo aiutarci con Dexeryl, una crema dermoprotettiva a base soprattutto di acqua, glicerolo, vaselina e paraffina liquida, in grado di ricostituire il film protettivo della pelle, rigenerandola nel profondo.

Dalla consistenza leggera, senza profumo e senza coloranti, è indicata in tutti i casi in cui la pelle appare arrossata, a causa del troppo freddo, con chiazze e rosse e abrasioni oppure dopo una lunga esposizione al sole senza aver utilizzato alcun tipo di protezione.

La pelle appare fragile ed eccessivamente secca, tanto da risultare ruvida al tatto. Le sostanze emollienti presenti al suo interno, delicate e adatte a tutti i tipi di pelle, avvolgono il derma al pari di una pellicola, leggera sì, ma impenetrabile.

Le temperature elevate o fin troppo basse, lo smog e gli allergeni, quindi, restano lontani dallo strato superficiale della pelle, aiutandola a ritrovare quella luminosità e quella freschezza, a lungo ritenute perdute.

Essendo un Dispositivo Medico CE, questa crema va utilizzata con cautela, solo dietro il consiglio medico. Utilizzata con costanza, la pasta protettiva assicurerà un benessere lungo e duraturo alla nostra pelle fragile e sensibile.

Hai trovato l'articolo interessante?

ISCRIVITI SUBITO ALLA Newsletter

Riceverai solo articoli simili e promozioni sui prodotti in vendita, 100% no SPAM

← Post precedenti Post successivi →


Lascia un commento

Attenzione, i commenti devono essere approvati da un moderatore prima della pubblicazione